Un viaggio nella storia e nell’animo delle genti frentane

L'Ecomuseo Itinerari Frentani, in collaborazione dei Cantori della Memoria propone  un'originale visita della città di Larino(CB) denominata dall’ideatore Marcello Pastorini “ Un viaggio nella storia e nell’animo delle genti Frentane”.   Nella visita guidata sarà possibile ricevere informazioni storiche, ammirare la bellezza dei monumenti che custodisce la città, inoltre verranno letti brani tratti dalla Pro Cluentio di Cicerone, da testi di autori molisani( F. Iovine), verranno recitate poesie dialettali ( Raffaele Capriglione, Giovanni Cerri etc.) e raccontati aneddoti, storie e filastrocche appartenenti alla cultura popolare molisana, saranno eseguiti canti popolari e devozionali, rievocati antichi riti( serenata) e potranno essere degustati prodottienogastronomici. I visitatori si sposteranno dai siti archeologici romani dove sono custoditi mosaici policromi straordinari ( Anfiteatro, terme) al centro medioevale dove percorreranno gli affascinanti vicoli, si immergeranno nella memoria storica della città, nell'atmosfera e in riti di altri tempi, infine  avranno la possibilità di visitare, presso l'imponente Palazzo Ducale, il Museo Civico, ove sono custoditi mosaici policromi di epoca romana, e, infine, visitare il museo diocesano di Termoli-Larino, la Chiesa di San Francesco e  potranno ammirare la straordinaria bellezza della magnifica Concattedrale romanico-gotica di San Pardo, Basilica e tra i monumenti più belli dell'Italia Meridionale.

 

 La Chiesa di San Francesco ( attualmente in restauro) è un vero e proprio museo: costruita nel 1312, è annessa al Convento dei Frati Minori Conventuali soppresso nel 1809 e ora di proprietà della Provincia di Campobasso,  custodisce affreschi trecenteschi, il meraviglioso affresco settecentesco  di Paolo Gamba” L’incoronazione della Vergine”, un organo del Seicento perfettamente funzionante, una statua, L’Immacolata Concezione, di Giacomo Colombo, la statua di San Rocco di Paolo Saverio di Zinno,  un meraviglioso Altare barocco e la balaustra barocca precedentemente  posta in Cattedrale , una bellissima Via Crucis attribuita, probabilmente erroneamente, a Paolo Gamba, la tomba di Francesco Carafa, feudatario della città ucciso , a seguito di una congiura, alla fine del seicento: la vicenda ispirò Alexandre Dumas  padre per la scrittura del celebre romanzo storico “ Un regno insanguinato”.

 

A due chilometri dal centro storico è possibile visitare anche il Convento dei Frati Cappuccini: nella chiesa è possibile ammirare una splendida cinquecentesca Natività attribuita a Francesco da Tolentino e una Madonna della Pietà attribuita a Antonio Solario detto “ Lo Zingaro”.

 

Su richiesta, i sapori della nostra Terra chiuderanno la visita guidata di Larino: verranno degustati prodottienogastronomici locali e potrà essere consumato un pranzo a buffet in  presenza dei Cantori della Memoria.

 

 

 

PER INFORMAZIONI E VISITE GUIDATE: 3406550584